La tua ULSS cambia nome!


Dal 1 gennaio 2017, in seguito alla riorganizzazione della sanità in Veneto, ULSS 1 e ULSS 2 si uniscono nella nuova

ULSS 1

DOLOMITI

generic image
Home » Patologie della spallla
 

Patologie della spallla

appuntamento mercoledì 12 aprile alle 18

FELTRE. Per il ciclo i “mercoledì della salute”, mercoledì 12 aprile alle 18.00 nella sala convegni dell’ospedale di Feltre si parlerà delle patologie della spalla con il direttore dell’UOC di Ortopedia, Giuseppe Furlanetto, e l’ortopedico Mauro Gasparo.
La spalla è interessata da diverse tipologie di patologie di tipo non traumatico: lesioni della cuffia dei rotatori, instabilità gleno omerale, tendinopatie calcifiche.Per una diagnosi corretta, oltre ad anamnesi ed esame fisico, sono necessari vari tipi di accertamenti. Spesso vengono individuate anche lesioni asintomatiche per le quali è opportuno un trattamento farmacologico e fisioterapico. Il trattamento chirurgico è invece indicato solo in presenza di un deficit della funzione e/o di dolore persistente.
Le lesioni di cuffia rappresentano la maggior parte degli interventi artroscopici effettuati a Feltre. Il gesto artroscopico si adatta di volta in volta alla tipologia di lesione.
Una patologia trattata frequentemente al Santa Maria del Prato è la tendinopatia calcifica che è una deposizione di sali di calcio nella borsa (morbo di Duplay) e/o nei tendini della cuffia dei rotatori. Interessa prevalentemente le donne tra i 30 e i 40 anni, nel 20-30% dei casi è bilaterale. Per una diagnosi corretta, l’esame clinico va accompagnato con un’ecografia. Il trattamento proposto anche a Feltre consiste in infiltrazioni eco guidate.
Infine, per il trattamento della degenerazione artrosica della spalla, sono proposti diversi trattamenti dagli antiinfiammatori ad infiltrazioni intrarticolari con acido ialuronico o cortisone, ad artroscopie fino alle protesi.

«La scelta dei nostri ospedale di molti assistiti anche da fuori Ulss conferma la qualità delle prestazioni offerte e il ruolo fondamentale della sinergia tra unità operative, in questo caso, ortopedia, radiologia e fisiatria, che permette di assicurare alla persona in cura un approccio efficace », commenta il direttore generale Adriano Rasi Caldogno.