La tua ULSS cambia nome!


Dal 1 gennaio 2017, in seguito alla riorganizzazione della sanità in Veneto, ULSS 1 e ULSS 2 si uniscono nella nuova

ULSS 1

DOLOMITI

generic image
Home » Nuovi orizzonti diagnostici per le malattie polmonari
 

Nuovi orizzonti diagnostici per le malattie polmonari

Appuntamento mercoledì 16 marzo nella nuova sala convegni

FELTRE. Per il ciclo “I mercoledì della salute”, mercoledì 16 marzo 2016 alle 18.00 nella nuova sala convegni - dell’Ospedale di Feltre si parlerà di “Nuovi orizzonti diagnostici per le malattie polmonari” con Franco Maria Zambotto, direttore della UOC di pneumologia, Daniele del Monte, direttore della UOC di Anestesia e Rianimazione, Duilio della Libera, direttore della UOC di anatomia patologica, e Riccardo Berletti, direttore della UOC di radiologia.
L’arrivo di nuove tecnologie ha profondamente cambiato il modo di fare diagnosi delle malattie respiratorie. Oggi possiamo entrare in campi dove in precedenza non si poteva arrivare. In particolare siamo in grado di esplorare la superficie della pleura che è quella membrana che riveste i polmoni e di effettuare prelievi delle linfoghiandole dentro il torace senza necessità di atti chirurgici. Per fare tutto questo è necessario un lavoro di squadra in cui ogni professionista gioca la sua parte. Il radiologo fa una ricognizione dell’anatomia per indicare dove bisogna andare, lo pneumologo e l’anestesista precedono ai prelievi e all’esplorazione, l’anatomo patologo esamina i tessuti e le cellule prelevate per fare una diagnosi ben precisa.
Tutte queste procedure diagnostiche sono in genere ben tollerate e si fondano proprio sull’armonia del lavoro di squadra e sulla disponibilità di attrezzature biomediche adeguate. La persona assistita al Santa Maria del Parto viene accompagnata nel percorso diagnostico dal personale della pneumologia senza più disperdersi in tanti rivoli organizzativi.