La tua ULSS cambia nome!


Dal 1 gennaio 2017, in seguito alla riorganizzazione della sanità in Veneto, ULSS 1 e ULSS 2 si uniscono nella nuova

ULSS 1

DOLOMITI

generic image
Home » Anziani e caldo
 

Anziani e caldo

i consigli della geriatra

FELTRE. Il direttore facente funzione dell’UOC di Geriatria dell’Ulss n. 2, Anna Casanova, dà qualche consiglio per aiutare gli anziani a sopportare meglio il caldo.<br /> Perché il caldo è un problema per gli anziani? <br /> Il problema del caldo per gli anziani è importante per tre ordine di ragioni. Primo: gli anziani hanno una composizione corporea diversa rispetto ai giovani, con massa magra inferiore e quindi minor acqua totale. Risentono, pertanto, molto di più della disidratazione. Il secondo problema è che perdono lo stimolo della sete, quindi tendono ad assumere meno liquidi. Terzo è che gli anziani sono spesso trattati con farmaci che influiscono sul bilancio idrico e sulla pressione arteriosa.<br /> Quali sono le precauzioni indispensabili da adottare?<br /> Evitare, in maniera tassativa, di svolgere lavori o attività fisica all’aperto, come ad esempio stare a lungo nell’orto, durante il giorno; esercitare attività fisiche alle quali non si è abituati , come per esempio passeggiate o escursioni , indossare indumenti particolarmente leggeri e di cotone. Qualora fosse necessario uscire al sole indossare sempre un cappello.<br /> Che cosa è bene fare? <br /> Aumentare l’introito di acqua, bere prima di avere sete, limitare alcolici ( che possiedono effetto diuretico ed ipotensivante) e caffè ( effetto diuretico), evitare bevande dolci soprattutto per i diabetici.<br /> Alimentarsi con cibi freschi e preferenzialmente crudi (frutta e verdura in particolare) anche per garantire adeguato apporto di sali minerali, leggeri. <br /> Fare doccia o , in caso di difficoltà , spugnature di acqua.<br /> È bene evitare importanti sbalzi termici , che si verificano soprattutto in automobile, quando si passa dal troppo caldo, per auto parcheggiate al sole , al troppo freddo dovuto con all’uso del condizionatore.<br /> Quali sono i segnali di un malessere?<br /> Cefalea, confusione mentale, astenia, svenimenti o addirittura aumento della temperatura corporea, con febbre sono segnali di allarme assoluto. In questi casi è opportuno consultare un medico.<br /> Vomito o diarrea sono particolarmente, frequenti negli anziani durante le giornate di allarme climatico. Queste condizioni possono drammaticamente peggiorare il quadro di disidratazione e devono pertanto essere considerate urgenze mediche.<br /> È vero che è bene riconsiderare la terapia anti ipertensiva nei periodi di caldo?<br /> La terapia antipertensiva va sicuramente riconsiderata con il proprio medico curante e non autogestita e, in presenza di picchi ipertensivi o ipotensivi, è indispensabile che le variazioni vengano fatte con osservazione medica e relativa prescrizione.<br /> E la solitudine?<br /> Il problema del caldo per gli anziani è spesso esacerbato per ragioni di ordine sociale, in quanto questi sono proprio i momenti in cui la popolazione giovane e attiva tende ad allontanarsi da casa per concedersi ristoro e villeggiatura, lasciando ancor più soli gli anziani in un momento in cui necessiterebbero di maggiore assistenza e vicinanza. È evidente che si deve raccomandare attenzione alle persone più fragili, anziani in primo luogo.<br /> <br />